Firefox OS sbarca nell’Internet of Things

L’internet of things sembra il sentiero giusto per Firefox OS. Ad annunciarlo è stato proprio Ari Jaaksi, Senior Vice President di Mozilla.

Firefox, dopo aver abbandonato il mondo della telefonia mobile, punta a trovare una stabilità nel mondo dell’Internet of Things e degli oggetti connessi. A comunicarlo è Ari Jaaksi, nientemeno che il Senior Vice President di Mozilla, tramite un blog della fonazione. Alcuni progetti sarebbero già stati collaudati, come per esempio l’implementazione di Firefox OS sulle Smart TV Panasonic. Con l’architettura FoxLink, basata sul Web of Things, Firefox potrebbe diventare il motore operativo di elettrodomestici ed altri oggetti di utilizzo quotidiano.

Ari Jaaksi ha fatto anche il nome di Vaani, ovvero un assistente personale con funzionalità analoghe a quelle di Siri o a quelle Microsoft di Cortana. In questa nuova evoluzione non mancheranno di certo interessanti novità rilasciate per l’omonimo browser. La fondazione ha dichiarato che l’attuale cadenza di sei settimane per una nuova release di Firefox sarà “scadenzata”, in modo tale da soddisfare ogni qual volta sia nacessario tutte le esigenze degli utenti e dei mercati emergenti.

Niente paura, gli aggiornamenti saranno comunque rilasciati con regolarità, verranno presentati all’incirca ogni sei, sette al massimo otto settimane. Concedeteci un piccolo spoiler: Firefox 51 arriverrà presumibilmente a Gennaio 2017. Ad ogni modo, è stata confermato anche -già da tempo in realtà- lo stop alla produzione di smartphone con Firefox OS, la fondazione ha comunque tenuto a precisare la che l’ultima versione è la Firefox OS 2.6, e che è stata mantenuta in open source, qualora gli sviluppatori volessero continuare lo sviluppo.