Misure di sicurezza nel gioco online: dagli antivirus all’Https

gioco sicurezza online

Grazie a rigide misure messe in atto dagli ultimi governi italiani e a una decisa accelerata dal punto di vista tecnologico, la sicurezza nel gioco online ha raggiunto ormai livelli di assoluta solidità. Se qualche retaggio del passato comunque resta (prima del 2010 se ne sono viste un po’ di tutti i colori in quanto a società non esattamente raccomandabili e conseguenti truffe), grazie a piccoli accorgimenti e alla conoscenza dettagliata di alcuni punti fondamentali, gli utenti possono giocare senza alcuna preoccupazione. Saper individuare i portali migliori che riescono ad offrire tutti gli strumenti utili a proteggere i propri soldi e la propria privacy diventa quindi d’importanza primaria. Vediamo invece di seguito quali sono stati i passi compiuti dalle stesse aziende per conquistarsi l’assoluta fiducia degli utenti.

  • GLI ANTIVIRUS INTERNI ED ESTERNI

Navigare con un buon antivirus è fondamentale per qualsiasi internauta; e i siti di gioco online meno affidabili sono puntualmente segnalati. Non tutti però sanno che i migliori siti si sono dotati di un potente antivirus “interno” (si chiama Thawte) che è riuscito a coniugare la protezione della privacy dei giocatori a quella dei server da eventuali attacchi con malware e simili.

  • I LIMITI DI SPESA

Una misura più artigianale è di certo quella offerta da diversi casino e bookmakers online: il limite di spesa mensile o settimanale. Tenere sotto controllo il proprio conto è fondamentale per chi a volte si lascia prendere troppo la mano.

  • SITI CON LICENZA AAMS

Probabilmente è il fattore che più rassicura un utente sull’affidabilità di un casino online: la licenza AAMS è marchio di qualità e sicurezza, fornito dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli solo a chi riesce a soddisfare determinati standard. In genere si trova a fondo pagina, il logo è inconfondibile e viene concesso solo a pochi “eletti”.

  • IL “MISTERIOSO” HTTPS

Molti si chiedono cosa stia a significare quella S finale dopo il classico http che precede l’URL di un sito. E’ il segno che si sta sfruttando la tecnologia TLS, requisito fondamentale per chi offre transazioni online. Privacy e sicurezza (testimoniata dal lucchetto presente sulla sinistra della barra degli indirizzi) sono così garantite.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.