Safer Internet Day: la sicurezza online prima di tutto


L’evento del Safer Internet Day previsto per oggi, 9 Febbraio, mira a sensibilizzare l’attenzione su tematiche quali sicurezza online e cyberbullismo. L’evento si svolgerà in contemporanea a Roma e Milano.

“Play Your Part for a better Internet”, è questo il motto del Safer Internet Day, promosso dalla Commissione Europea che si celebra oggi in oltre 100 nazioni di tutto il mondo. L’obiettivo? Sensibilizzare la sicurezza nel mondo online, combattere il cyberbullismo ed il cybercrimine. Secondo un rapporto stilato da Skuola.net e dall’Università degli Studi di Firenze, proprio in occasione dell’evento, è emerso che 1 ragazzo su 10 giustifica il proprio comportamento scorretto come uno scherzo, e solo l’8% ammette di aver bullizzato intenzionalmente un proprio coetaneo.

Altri numeri emersi per l’occasione sono il 17, ovvero la percentuale di ragazzi che rimane connessa sul web tra le 5 e le 10 ore al giorno (a prescidere dall’utilizzo di tablet, smartphone o personal computer). Ed una percentuale altrettanto elevata si diciara constantemente connessa, e qui ci rimanda all’eventuale e probabile dipendenza da internet. 1 su 4 è sempre online, 1 su 2 si connette più di una volta al giorno, 1 su 5 si sveglia durante la notte per controllare SMS e social, e 4 su 5 utilizzano WhatsApp. Inoltre, 1 su 2 dichiara di essersi iscritto ai social prima dei 13 anni, il 71% possiede uno smartphone a partire dall’età di 11 anni. E più di 1 su 10 ammette di essere stato vittima del cyber bullismo, statistica identica per coloro che non sanno neanche cosa sia il bullismo online.

Le social app più utilizzate, apparte WhatsApp che riempie il 90% dell’utenza, a seguire troviamo Facebook al 64%, Instagram al 61%, e YouTube al 58%. C’è una piccola percentuale di giovani che sono a rischio ‘vamping‘, termine usato non a caso, dato che chattano costantemente anche di notte, situazione analoga anche quelli che lo fanno in luoghi vietati, come le aule delle scuole. Il Safer Internet Day si dividerà nei due capoluoghi più importanti d’Italia, la capitale Roma, al Teatro Palladium, e  Milano, al Piccolo Teatro Strehler. Ad aiutare a sensibilizzare la problematica, è presente anche la Polizia di Stato, presente in oltre 100 capoluoghi per approfondire le tematiche inerenti al cyberbullismo, mentre alla Camera, l’associazione de Il Telefono Azzurro metterà seduti sullo stesso tavolo un team di esperti e politici. Il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini parteciperà all’evento romano, dove verrà lanciata in anteprima la campagna trasmessa poi dalle reti Rai, Mediaset, Sky ed MTV, contro il cyberbullismo. A completare la sezione ospiti ci sarà il Trio medusa di Radio Deejay, mentre a Milano parteciperanno alcuni comici di Zelig.