Città di Castello: il prete che da benedizione agli smartphone

benedizione dei cellulari-hi tech

Anche la fede si è adeguata ai tempi moderni. A Città di Castello si è rinnovata la benedizione di smartphone e simili, il cui protettore è San Biagio.

San Biagio è conosciuto come il protettore della gola, si celebra il 7 febbraio, ma nella parrocchia di Nuvole, in Altotevere, sono state benedette altre gole, ovvero quelle tecnologiche: smartphone, tablet, cellulari e computer portatili. Lo scopo è di preservare dai danni che potrebbero causare. La singolare idea è del parroco Don Giorgio Mariotto che ha rinnovato la benedizione dei dispositivi hi-tech per il secondo anno consecutivo.

Le novità non finiscono qui, perché la sfida che Don Giorgio Mariotti ha rivolto ai suoi fedeli è quella di farsi portatori di buone notizie. Nel nostro magazine parliamo solo di novità tecnologiche, ma sappiamo benissimo che le cattive notizie corrono sulla rete, così i parrocchiani di Nuvole saranno impegnati nel concorso “Cellulari e buone notizie”, con tanto di premio finale: un viaggio.

Don Giorgio Mariotti si è detto particolarmente soddisfatto, i fedeli hanno risposto in maniera più che positiva. La benedizione hi-tech ormai fa parte della tradizione religiosa popolare ed è una festa altrettanto sentita. Forse la Chiesa dovrebbe fare uno sforzo in più per capire che i dispositivi hi-tech non rappresentano il diavolo e approcciarsi con i metodi di comunicazione moderni.