Hard Disk malfunzionanti, denunciata la Seagate


L’azienda californiana Seagate è stata denunciata a causa di un ripetitivo malfunzionamento dei suoi Hard Disk Barracuda e Backup Plus.

Scatta la class-action contro l’azienda californiana Seagate Technology, denunciata a causa di alcuni modelli di Hard Disk che si rompono troppo spesso con eccessiva regolarità. A depositare l’accusa è stato il signor Christopher Nelson, l’uomo infatti ritiene che gli HDD interni Barracuda e quelli esterni Backup Plus siano difettosi e malfunzionanti.

L’azienda è stata chiamata in causa per aver violato la garanzia, concorrenza sleale, pubblicità ingannevole ed arricchimento senza giusta causa. Non roba da poco, inoltre, l’uomo che ha sporto denuncia esige un risarcimento. Nello specifico, per pubblicità ingannevole s’intende che l’opera di marketing della Seagate Technology sia stata svolta affermando come e quanto gli HDD prodotti dalla compagnia siano affidabili e con un rischio di malfunzionamento minimo ma “I dischi non sono tuttavia affidabili e non hanno bassi tassi di rotture. Piuttosto sono difettosi e si rompono prematuramente con spettacolare regolarità”, scrive il signor Nelson nel suo rapporto.

La class-action ha smosso anche la Backblaze, azienda che si occupa di backup e cloud dati, che tramite un’attenta analisi non ha fatto altro che confermare le ipotesi di Nelson scrivendo nella sua documentazione al riguardo “Il vero tasso di rottura dei dischi si è dimostrato sostanzialmente superiore a quanto pubblicizzato e i prodotti non sono durati a lungo quanto le soluzioni comparabili di altri produttori o persino ad altri dischi realizzati da Seagate”. La Seagate si è dichiarata informata dei fatti e prima di rispondere sta cercando di analizzare dal proprio conto la situazione.