NASA, via al programma Mars 2030 con la realtà virtuale


Mars 2030 è l’innovatia piattaforma di NASA con realtà virtuale. L’app consente una simulazione di vita su Marte sulla base degli studi nel corso degli anni.

Mandare l’uomo su Marte non è forse il più grande desiderio di tutti gli appassionati? Ebbene, la NASA ha lanciato una piattaforma che grazie alla realtà virtuale consentirà di effettuare simulazioni di vita sul pianeta rosso. Il software è stato denominato Mars 2030 e viene definito dalla NASA come “nuova esperienza virtuale interattiva che permetterà alle persone di simulare la vita sul Marte”. La piattaforma è stata realizzata in collaborazione con la società Fusion Media e lo space System Laboratory del Mit. Entro Marzo è atteso il debutto dell’applicazione al South by Southwest.

Mars 2030 sarà disponibile gratuitamente per l’Oculus Rift, Google Cardboard e Samsung Gear VR, scaricaile tramite la piattaforma di Steam e Fusion.net, mentre le versioni mobile che lo supporteranno saranno ovviamente Android ed iOS, inoltre anche il sito di web gaming streaming twitch.tv farà trasmetterà in live la nuova esperienza di Mars 2030. Secondo la NASA i progressi nella realtà virtuale stanno creando notevoli opportunità per gli sviluppatori per immergersi in mondi altrimenti irraggiungibili al momento dalla razza umana, ed afferma come già l’agenzia aerospaziale americana utilizzi ambienti simulati per la formazione degli astronauti.

Ebbene sì, la NASA fa già affidamento da qualche tempo sui simulatori di missioni per preparare gli astronauti ad ogni eventualità possibile. Insomma, tutto lo staff di NASA non può che ritenersi soddisfatto di questa nuova esperienza, e si definisce grata per l’opportunità di portare la realtà virtuale il più vicino possibile a Marte, in maniera così realistica poi, grazie anche agli enormi studi effettuati sul pianeta rosso nel corso degli anni. Una grande notizia per tutti gli appassionati del mondo dello spazio, ma siamo sicuri che Mars 2030 conquisterà l’interesse anche dei meno spinti verso questo settore, in ogni caso non ci resta che aspettare il rilascio ufficiale.