Nissan e Ranault, insieme per le auto senza pilota


Nissan e Renault si alleano, nei prossimi quattro anni previste una decina di auto senza pilota e nuove applicazioni connesse.

L’alleanza tra Nissan e Renault porterà, nei prossimi quattro anni, alla nascita di oltre dieci auto senza pilota. Insieme a loro gli sviluppatori sono già al lavoro per creare una nuova serie di applicazioni connesse che faciliteranno l’utilizzo degli automobilisti per le loro attività di svago, business e per i social network più blasonati. Già quest’anno arriveranno dalle case automobilistiche i primi modelli di veicoli dotati di sistema di mantenimento nella corsia, ovvero una funzionalità che permette alla vettura di rimanere autonomamente ed in sicurezza su una sola corsia nel traffico autostradale. Questo sarà dunque il primo passo nel percorso che porterà a “zero emissioni e zero incidenti”, obbiettivo comune del gruppo Nissan-Renault.

Leggi anche: Anche Baidu testa le auto senza pilota.

Già nel 2014 Nissan e Renault avevano realizzato la conversione dei reparti di ingegneria, in modo tale da lavorare insieme per ridurre ed eliminare le ricerche superflue e ridondanti nello sviluppo delle nuove tecnologie, diminuendo di molto i tempi di produzione finali. Le nuove tecnologie per le auto senza pilota, verranno messe a disposizione dalle due case del gruppo automobilistico in modo tale che tutti possano adottarle e gestirle in base alle funzioni ed alle esigenze dei rispettivi clienti. Nissan ha inoltre comunicato in via ufficiale che le automobili di questo tipo non avranno un costo esagerato, si parla infatti di circa 3000 euro in più in base al modello richiesto.

Nel 2018 invece le auto di Nissan e Renault saranno equipaggiate con il sistema di “cambio corsia”, che garantisce la gestione automatica ed autonoma delle eventuali procedure e problematiche previste durante il cambio corsia in autostrada per i relativi sorpassi. Nel 2020 le vetture saranno addirittura in grado di gestire autonomamente gli incroci ed il flusso di traffico presente in essi, senza alcun intervento del conducente. Inoltre, già dal 2016 verrà lanciata una nuova applicazione per gli smartphone che permetterà di interfacciarsi con il veicolo anche a distanza, a seguire arriverà anche un update che consentirà ai sistemi di mappe di aggiornarsi automaticamente in tempo reale.