Lumix TZ80, la nuova fotocamera di Panasonic


Panasonic presenta la nuova Lumix TZ80 con sensore MOS da 18 Megapixel, in grado di registrare video anche in formato 4K.

Lumix TZ80 è stata annunciata oggi da Panasonic. Il nuovo modello della gamma TZ garantisce prestazioni straordinarie e introduce nuove funzioni, il tutto dentro ad una scocca dal design accattivante, leggero e sopratutto resistente. Il potente sensore MOS da 18 Megapixel cattura immagini di alta qualità anche con scarsa luminosità, e la modalità video registra i vostri momenti in risoluzione 4K full HD. Il sensore principale è affiancato da uno sbalorditivo Venus Engine per una risoluzione ancora più spettacolare dei colori, fedelissima a quella del momento dello scatto. Le incredibili prestazioni di Lumix TZ80 sono garantit anche da un obiettivo zoom LEICA 30x di altissima qualità (24-720mm), assicurando scatti di immagini senza disturbi anche su soggetti in movimento. La nuova Lumix di Panasonic sarà commercializzata in Italia entro la primavera, sarà disponibile in due colori, Nero e Nero e Titanio, per quanto riguarda il prezzo non è fuoriuscita ancora nessuna informazione ufficiale.

Lumix TZ80 è dotata di vari comandi manuali per la personalizzazione di ogni scatto, una sezione dedicata offre una gestione fluida di tutti i comandi, come lo zoom, diaframma e tempo di posa. Il display touch da 3 pollici rende la navigazione nel menu fluida e semplice. La vostra Lumix può essere collegata ad uno smartphone o ad un tablet per la condivisione delle vostre foto sui social media o allegarle ad una e-mail. La camera offre prestazioni elevate anche sulla registrazione dei video con risoluzione Full HD (1920×1080 – 50p) ed in formato AVCHD e sia in risoluzione 4K (3840×2160 – 25 fps) in formato Mp4. La funzione Photo Panasonic consente di estrapolare immagini da 8 Megapixel dai video 4K, offrendo una soluzione ideale per immortalare i momenti salienti di ogni filmato. Un’altra novità per la Lumix TZ80 è la funzione Post-Focus, che vi permette di calcolare la distanza tra camera e soggetto, individuando automaticamente la messa a fuoco migliore per ogni fotogramma.