NASA, rilevate tracce di ammoniaca sul pianeta Cerere

Cerere pianeta nano

Dal pianeta nano un aiuto concreto per comprendere e capire come si è formato ed evoluto il Sistema Solare.

Un componente essenziale della chimica organica, l’ammoniaca, è diventato improvvisamente uno dei protagonisti principali del mondo dell’astronomia e della ricerca spaziale volta a scoprire sempre più le origini del nostro Sistema Solare.

In particolare, la sonda DAWN, inviata dalla NASA in spedizione intorno all’atmosfera di Cerere, pianeta nano da tempo oggetto di speculazioni e osservazioni da parte del mondo della scienza, avrebbe rilevato tracce di alcuni composti argillosi contenenti la famosa molecola. Importanti le implicazioni: Cerere avrebbe potuto formarsi in una zona molto più esterna del Sistema Solare rispetto alla posizione attuale, suggerendo agli astrofisici nuove ipotesi di formazione della storia evolutiva di diversi pianeti nella stessa condizione di Cerere.

L’ipotesi che ne consegue, dal momento che la formazione dell’ammoniaca non è compatibile con lo stato di temperatura e pressione attuale di Cerere, è la provenienza da altre fasce del Sistema Solare, confermando quindi una possibile migrazione planetaria nei primi momenti in cui esso ebbe formazione. Lo studio è stato pubblicato sulla nota rivista “Nature“, in attesa che, a questa scoperta, si aggiungano ulteriori passaggi che porteranno la sonda a circa 380 km di distanza da Cerere, in modo che possa fotografare immagini HD capaci di suggerire nuovi dati concreti in merito alla ricerca sulla formazione planetaria.