Android, Cortana, iOS e Microsoft: i trend tecnologici protagonisti del 2015

Android, Cortana, iOS e Microsoft

Bilancio di fine anno positivo per le tre major informatiche che non mancheranno di stupirci anche nel 2016.

Si conclude all’insegna di un buon numero di successi il 2015 di Google, Microsoft e Apple, le tre major informatiche che hanno apportato notevoli miglioramenti a livello hardware e software a tre dei loro principali brand distintivi: Android, Cortana e iOS.

Partendo dall’OS mobile della casa di Mountain View, Android Marshmallow, l’ultima iterazione di un sistema operativo capace di ottimizzarsi e di ampliare continuamente le proprie funzioni al meglio, Google ha sperimentato una vera e propria ascesa del modello open source che ne è alla base, fino a renderlo compatibile con la maggioranza dei prodotti software in circolazione. E’ perfettamente riuscito il tentativo di esportare il paradigma Android anche su devices completamente differenti dai classici smartphone: ne sono un esempio Pixel C, il nuovo laptop Google, e Raspberry Pi, computer board per programmazione libera da vincoli, altri due gadget in cima ai trend di quest’anno.

LEGGI ANCHE: Di Apple e Google i brevetti più preziosi, a seguire troviamo Facebook.

A stretta distanza, Android è inseguito da iOS, giunto alla versione 9 da poche settimane, grazie ad una ricerca Apple sempre mirata al comfort nella user experience e all’apertura al multimedia, oltre che ad una navigazione web e un uso di servizi cloud sempre più efficace. La frammentazione dell’OS Apple per eccellenza va sempre più riducendosi, segno di un’estrema attenzione dell’utenza nei riguardi di questo ottimo sistema operativo mobile.

2015 positivo anche per la ricerca Microsoft su Cortana, l’assistente vocale smart che ha dato immense soddisfazioni a chi ha testato Windows 10, grazie alla sua capacità di gestire email, chiamate e gli aspetti dell’OS più conosciuti dall’utenza. Per Cortana si prospetta infine una notevole evoluzione con Redstone, upgrade di Windows 10 previsto per l’estate del 2016, col quale, oltre ai tipici promemoria, sarà in grado di offrirci valutazioni personalizzate sui progetti Office e integrazione con i servizi cloud di Microsoft.

Attendiamo quindi fiduciosi il nuovo anno per scoprire in anteprima i prossimi passi con cui i tre colossi dell’informatica moderna avranno deciso di impattare sulla vita quotidiana di tutti noi.