Google: Street View arriva anche in Artide

Street view arriva anche in Artide.

Dopo il sito archeologico peruviano, Google Maps si estende ancora, portandoci stavolta a conoscere da vicino il polo Artico, gli animali e le tribù che lo abitano.

Dopo l’aggiornamento di Street View con l’intero sito archeologico di Machu Picchu, gli occhi di Google Maps arrivano nelle lande ghiacciate del Circolo Polare Artico. Il team cartogtafico di Google, ci porta stavolta alla scoperta del fragile ecosistemo dell’Artide, ed alla scoperta della caratteristica tribù Inuit dei Sanikiluaq.

LEGGI ANCHE: Greenpeace, “Save the climate” messaggio ambientalista nello spazio.

L’intero tour è stato realizzato a bordo di una motoslitta attrezzata da Google Maps, grazie sopratutto alla cooperazione della tribù locale e dell Artic Eider Society, ente che si batte per la salvaguardia dell’Edredone Artica, una grande anatra marina, rinomata per aver le piume più calde del pianeta, che la proteggono dalle rigide temperature dei luoghi che abita, la cui sopravvivenza è fondamentale per gli equilibri dell’ecosistema locale, e non solo, i cambiamenti climatici che hanno colpito il polo, mettono infatti a rischio anche altre spece animali. Le riprese sono state effettuare con il consueto Trekker, strumento che eccelle nella registrazione di immagini a 360 gradi. La camera ha raccolto le bellissime pianure ghiacciate circondate dal mare aperto, e le caratteristiche polynya, aree marine habitat principale dell’ededrone. Scopo del progetto non è solo quello di documentare la vita di questi pacifici animali e il luogo in sè per sè, Google vuole aiutare nella ricerca e la salvaguardia del clima e dell’ambiente del posto, in maniera attiva, una stabilità progressivamente minacciata dallo sviluppo delle centrali idroelettriche nella vicina baia di Hudson.

Disponibile a questo link il tour completo del team di Google Maps. Nel mentre non vi immergete nel viaggio virtuale offerto da Street View, pubblichiamo un video preso da YouTube con il backstage dell’intero reportage.