WhatsApp: chi termina i messaggi con un punto non è sincero


Chi termina i messaggini di WhatsApp, Facebook, Skype e altre app per la comunicazione virtuale non è sincero.

È il trend topic del giorno che ha seminato il panico tra gli estimatori della punteggiatura che anche su WhatsApp danno sfoggio delle doti di scrittura. Purtroppo chi termina i messaggi su WhatsApp, Messenger o iMessage, proprio con il punto, potrebbe non essere sincero e c’è uno studio specifico sull’argomento che è stato riportato dal Washington Post. Probabilmente ci avevate già fatto caso, il punto infatti serve per troncare un discorso, ma spesso non è così, anzi!

I messaggi di testo sono uno dei metodi di comunicazione più utilizzati e hanno sostituito il “faccia a faccia” quindi abbiamo imparato a leggerli ad alta voce, con tutti i fraintendimenti del caso. Nell’esperimento riportato su Computers, nella sezione Human Behavior, sono stati coinvolti 126 studenti universitari, sicuramente non è un campione significativo, ma è emerso che è meglio chiudere i messaggi di WhatsApp con le emoji o con i punti esclamativi, ma mai con il punto. Nei messaggi virtuali la grammatica non viene utilizzata come nella scrittura cartacea, anche perché quella tradizionale è stata superata da un pezzo.

Secondo lo studio quelle frasi che terminano con il punto sono fredde, distaccate e poco sincere. Eppure scrivendo a mano la stessa frase il risultato è diverso. La punteggiatura su WhatsApp assume vita propria e il vuoto lasciato dal punto deve essere riempito con un 😉

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.